Accettazione attiva, come si fa?

Un altro tassello si aggiunge al mio percorso personale della comprensione delle parole “accettazione attiva”.
Concordo pienamente con quanto viene detto in questo video, dopo varie esperienze fatte. Ho usato molto spesso le tecniche della LOA ( Low Of Attraction – Legge di Attrazione) e devo dire che hanno funzionato molto bene, sia nelle relazioni personali che in quelle di vita.
A volte invece la LOA  non ha funzionato per niente, anzi, anni fa insistendo e sentendo e vedendo da vari indizi che la manifestazione era sul punto di manifestarsi, mi sono trovata a scampare da un brutto incidente e li’ ho cominciato a capire qualcosa di quello che oggi ho ascoltato da Bashar.
Alcune volte poi ho proprio sentito di non volerla attuare, anche se sarebbe sembrato opportuno… e questo perche’ mi sono stancata di voler creare altri giochi se non so giocare bene quello che ho qui.
In questo video Bashar spiega il motivo per il quale la Legge di Attrazione a volte funziona benissimo e altre no, in realta’ e’ gia’ tutto previsto (da noi).
Non ci e’ possibile alterare del tutto il nostro percorso perche’ abbiamo scelto di partecipare proprio in questa realta’ di trasformazione, quindi spesso non ci permettiamo di “saltarla”.
Scrivo sotto alcuni punti del discorso tradotti per comprendere (chi sa tradurre meglio di me puo’ aiutarmi e correggermi tra i commenti ).
Per chi sa l’inglese ma preferisce leggerlo, i sottotitoli in inglese sono decenti e rendono piu’ chiara la comprensione.
Questa e’ la risposta alla ragazza che poneva la domanda: ” Se mi focalizzo in una realta’ specifica (che mi piace), e’ possibile che riesca a saltare il futuro che si prospetta? “
Risposta di Bashar:
1) Io sono qui per un motivo ed e’ difficile che riesca a saltarlo, visto che sono qui proprio per questo;
2) Guardo alla ragione piu’ probabile per la quale sono qui in questo momento per partecipare a questo avvenimento;
3) Definisco in me come posso partecipare a questo avvenimento (personale o sociale) in un modo che per me e’ positivo ( e mi fa stare bene aggiungo io) ;
4) Tanto prima definisco e mi allineo con il senso positivo che crea Cio’ che E’ ( cioe’ la realta’ del momento), allora Cio’ che E’ puo’ diventare qualcos’altro piu’ velocemente perche’ sto usando Cio’ che E’ pienamente.
5) E’ solo quando resisto a cio’ che ho di fronte, a cio’ che sta succedendo, che mi soffermo e rallento. Finche’ arrivo al punto che lascio che sia un bene che l’avvenimento sia qui con lo scopo di indurmi a relazionarmici in un modo positivo.
6) Quando arrivo ad ottenere un beneficio positivo di qualche tipo dalla realta’ che ho davanti, questa puo’ finalmente trasformarsi.
7) Se rifiuto o nego il beneficio che e’ nascosto dietro un avvenimento, questo diventera’ fastidioso e mi sbattera’ alla porta dicendo che non ho ancora compreso lo scopo per il quale io sono qui proprio in questo momento (alle prese con il mio avvenimento personale o sociale). E diventera’ piu’ forte, piu’ forte, finche’ alla fine succedera’ qualcosa che mi forzera’ a capire perche’ e’ qui.
8) Quindi, meglio comprendere subito e sara’ una delicata esperienza.
 😉 😀
.
.
.
.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...