Le origini del Natale

5d925-separatore

Voglio parlare delle origini di questa festa, perche’ sono stanca di sentire i soliti sermoni della domenica del tipo: “bisogna recuperare lo spirito del Natale,  va recuperato il vero senso di quest’evento, basta luminarie, regali, divertimenti e feste, torniamo ad un Natale povero, a pane e cipolla…Via, tutti nella capanna… .”. Sapete bene che sono contraria allo spreco inutile in tutti i casi, ma non voglio certo tornare al Medioevo! 😀  Festeggiare nell’ abbondanza e’ un bene quando l’abbondanza e’ frutto di azioni oneste. Condividere la propria abbondanza diventa cosi’ libera gioia per tutti. Oggi, a parte l’ovvia difficoltà per molti di festeggiare nell’abbondanza queste festività per via della scellerata conduzione dello Stato da parte di politici rappresentanti di un popolo che (in maggioranza) li ha messi li’ dove stanno, e’ ora di fare un po’ di chiarezza su questa faccenda, e di come questa festa sia stata monopolizzata da quella che e’ agli inizi e’ nata come setta cristiana.

Se andiamo a cercare nel vocabolario cosa significa il termine setta troviamo che questo significa: “Raggruppamento di persone unite da un credo ideologico, religioso o politico, professato in modo radicale e intransigente e talvolta in contrapposizione esplicita alla comunità e all’ideologia dominante.” Purtroppo, non molti lo sanno, la religione cristiana e’ stata, ad un certo punto della storia, imposta a forza alle popolazioni residenti, rubandogli perfino le loro sacre feste. In questa direzione, l’Editto di Tessalonica prima, e i Decreti teodosiani poi, hanno fatto cio’ che c’era da fare.

” L’editto di Tessalonica, conosciuto anche come Cunctos populos, venne emesso il 27 febbraio 380 dagli imperatori Graziano, Teodosio I e Valentiniano II (quest’ultimo all’epoca aveva solo nove anni). Il decreto dichiara il credo niceno religione ufficiale dell’impero, proibisce in primo luogo l’arianesimo e secondariamente anche i culti pagani. Per combattere l’eresia si esige da tutti i cristiani la confessione di fede conforme alle deliberazioni del concilio di Nicea.

Nel 391-392, nuovi decreti (“Decreti teodosiani“) inasprirono le proibizioni verso i culti pagani e i loro aderenti. Tali atti furono definiti da alcuni persecuzione del Paganesimo. Furono distrutti molti templi e vennero avallati atti di violenza contro il paganesimo: uno dei più tragici fu la distruzione, nel 392 circa, del Serapeum di Alessandria, ad opera del vescovo di Alessandria Teofilo che, alla guida di un esercito di monaci, provocò l’uccisione di numerosi pagani che erano intenti alle loro funzioni sacre. Inoltre L’arcivescovo Giovanni Crisostomo organizzò una spedizione di asceti fanatici ad Antiochia per demolire i templi e far uccidere gli idolatri, mentre il vescovo Porfirio di Gazafece radere al suolo il famoso tempio di Marnas[1][2].

Nel 416 un editto dell’imperatore romano d’Oriente Teodosio II stabilì che soltanto i cristiani potevano svolgere la funzione di giudice, rivestire cariche pubbliche ed arruolarsi nell’esercito. Tutti i giudici, impiegati pubblici e ufficiali dell’esercito non cristiani avrebbero dovuto dimettersi. Nel 423 Teodosio II dichiarò che tutte le religioni pagane non erano altro che “culto del demonio” ed ordinò per tutti coloro che persistevano a praticarle, punizioni quali il carcere e la tortura.

Cliccate sulla foto per informazioni piu’ approfondite sul tempo della svolta repressiva, troverete anche le feste che erano osservate in quei giorni, soppiantate da quelle cristiane per ordine degli imperatori:

5d925-separatore

5d925-separatore

In questo clima di terrore, dove la libertà di culto e quella delle persone valeva meno che niente, e’ nata la gloriosa tradizione cristiana nazionale. Ha edificato monumenti, cattedrali, chiese. Ha preteso e preso forzatamente il posto di tutte le altre feste popolari che coincidevano con le proprie, bollando di eresia chiunque osasse pensarla diversamente. Ha creato una società dove ancora al giorno d’oggi in molti posti se non battezzi tuo figlio o non gli fai prendere i “sacramenti” vieni giudicato. Ma, soprattutto, che continua a rivendicare il diritto esclusivo di questa festa, nascondendo di averla presa ad altri.

Il 25 Dicembre per me e’ una festa popolare, una tradizione popolare, una festa di tutti, l’occasione per uno scambio, un’incontro, un attimo di pace dal lavoro, la bellezza di trovarsi tra parenti o amici, vedere la città a festa, l’abbondanza, le vetrine scintillanti, la leggerezza nell’animo, i sorrisi, il divertimento, la condivisione del proprio benessere, attimi felici da ricordare. Non c’è niente di piu’ spirituale del creare benessere a tutti i livelli, vivere nel benessere e condividere il benessere, cosi’ come si puo’. Il sentirsi felici, senza nulla togliere agli altri, aiutando a stare tutti bene insieme quel giorno ma anche tutti gli altri giorni, questa e’ la mia idea di gioia. E’ una spiritualità che non ha nome, viene da dentro. Oggi torno per rivendicare il passato, per rivendicare il diritto alla libera spiritualità, per insegnare che spiritualità vuol dire anima spirituale ma anche anima materiale e che l’Anima e’ in tutto. Spiritualità vuol dire creare, amare e condividere cio’ che di meglio abbiamo, dentro e fuori. Non servono dei o religioni per fare questo, basta il cuore unito al buonsenso. Come ho detto prima mi piacciono le feste, per il motivo che portano allegria e voglia di stare insieme, quindi vi auguro una bellissima e serena festa di qualsiasi tipo sia, religiosa o commerciale, mistica o baldoriosa, insomma, buona festa!

5d925-separatore

5d925-separatore

.

.

.

Annunci

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. mairitombako ha detto:

    molto ma molto istruttivo questo post. pieno di dettagli necessari per poter capire le origine..
    grazie
    serena domenica e buone feste

    Liked by 1 persona

    1. CK ha detto:

      Anche a te 🙂

      Mi piace

  2. Rebecca Antolini ha detto:

    Ciao Cristina, Gesù non e nemmeno nato a natale, natale e una festa di origina pagano.. io personalmente festeggio natale per il fatto delle mie usanze e tradizioni.. non lo vedo come una festa religiosa ( se penso le usanze di natale e l’avvento e cosi diversi fra i cristiani catolici che fa capire che non pò essere una festa divino da Dio, se esiste un Dio ovviamente ) Natale oggi e una festa per il commercio .. i regali sempre più caro e inutile.. una unione natalizia vera con riflessioni e serenità non esiste più… per me natale e “Besinnlichkeit” non trovo la parola adato in italiano.. ti abbraccio Pif

    Liked by 1 persona

    1. CK ha detto:

      Buongiorno Rebecca 🙂 Forse posso tradurre la tua parola con riflessione, raccoglimento…dimmi se va bene… Il fatto che i regali sono sempre piu’ cari e’ un fatto politico purtroppo… i commercianti sono costretti a fare fronte alle tasse sempre piu’ alte… in altri casi forse alzano troppo il margine di guadagno !
      Speriamo che sia una bella festa per tutti! Un abbraccio a te 🙂

      Mi piace

      1. Rebecca Antolini ha detto:

        e qualcosa fra contemplativo e raccoglimento ..un tempo per meditare stare in armonia con gli altri..

        .. per me i regali non sono fondamentale.. quando ero bambina sotto l’albero era soltanto un giocatolo e gli altri regali erano vestiti..

        … ma io non ho tanti ricordi ai vestiti e ciocatoli, ma il bello era di essere uniti e fra di noi cera questa magia di natale (l’albero la corona d’avvento il calendario d’avvento… le canzoni natalizie, i biscotti nataliazie) questo e per me natale..

        … no stress .. e sopratutto non sentirmi obligato di fare regali… soltanto Besinnlichkeit 😀

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...