I napoletani non devono viaggiare

il

………………………… ………………………………… …………………………………

antoniomenna

Ho fatto un errore madornale. Uno sbaglio che un napoletano non dovrebbe mai fare. Sono andato all’estero per tre giorni, e poi sono tornato.

L’errore, in realtà, è ancora più grave. Non sono andato ad “un estero qualunque”. Ho fatto tre ore di aereo e sono sbarcato a Stoccolma.

Ho visto una città civile e sono ancora sotto shock.

Lì non buttano i televisori guasti per strada. Non ci sono materassi dismessi sui marciapiedi. Non ho visto lavatrici arrugginite lungo gli assi stradali. Non c’erano cartacce, cicche, cartoni, supersantos negli alberi. Non c’erano banchetti di sigarette, dvd falsi, mercanzia varia. Non c’era merce esposta per strada che ti costringe a camminare tra le auto. Non c’erano auto parcheggiate sui marciapiedi.

Non ho visto un solo vigile urbano. Non ce n’era bisogno. Ho visto le piste ciclabili. Quelle vere, non quelle disegnate.

Ad un certo punto dovevo prendere un autobus. Sono…

View original post 592 altre parole

Annunci

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. ombreflessuose ha detto:

    Ho letto il “racconto” di Antonio e sono rimasta a bocca aperta
    E’ tutta una questione di educazione civica che a noi manca e rispetto per il prossimo
    Ciao, e buona serata
    Mistral

    Mi piace

    1. CK ha detto:

      Ci vuole anche chi fa rispettare le leggi ambientali… ma soprattutto chi pulisce, anche davanti casa propria, perchè dove è ben pulito ci si guarda bene dal sporcare troppo 🙂
      Ciao Mistral 🙂

      Mi piace

  2. musicadentro2 ha detto:

    Ho provato lo stesso sentimento quando sono andata a Friburgo a fare visita a mia nipote. Lei è andata in quella felice città per studio e non è mai più tornata. Ora aspetta un bimbo che nascerà in novembre. Quale gesto d’amore potrebbe essere più grande che mettere al mondo un figlio in una città che gli assicuri un futuro radioso?
    Questo ho pensato nei miei giorni a Friburgo: avrei potuto regalare alle mie figlie un futuro felice… invece no, le ho fatte nascere e crescere in Italia.

    Mi piace

    1. CK ha detto:

      Mai dire mai: io sono espatriata l’anno scorso, con figlia 14 enne. Ovviamente i problemi non sono mancati, ma il posto è talmente bello, che merita qualche difficoltà di iniziale adattamento (parlo per me, perchè lei è già bene inserita 🙂

      Mi piace

  3. afinebinario ha detto:

    Decisamente un’altra realtà, voglio sperare estremizzata.
    un caro saluto

    Mi piace

    1. CK ha detto:

      Non è estremizzata, ti assicuro 🙂 Buon fine settimana! 🙂

      Mi piace

      1. afinebinario ha detto:

        E allora … capisco sempre più chi sceglie “armi e bagagli” di allontanarsi dal bel Paese, che così bello forse più non è!
        buona domenica 🙂

        Mi piace

      2. CK ha detto:

        Noi Italiani sappiamo fare tutto ma una cosa ci manca: saperci governare. 🙂

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...